“Un grande desiderio”

 

                 Vorrei fare una crociera,

ma solo con “Schettino”,

girare golfi e porti,

con il dovuto “inchino”.

 

Solcare sulle onde,

tra mille scogli bui,

la “gnocca” lo confonde,

ma la governa lui.

 

Osserva lo “scandaglio”,

solerte e scrupoloso,

ma importante è il suo “pendaglio”,

fin dall’alba vigoroso.

 

Con manovre da pioniere,

volge la prua a terra,

e come un bucaniere,

ha vinto la sua guerra.

 

La nave è ora in secca,

si adagia lentamente,

tra il rumor della risacca,

è panico tra la gente.

 

Ma non ci son problemi,

è solo un po’ di buio,

mettiamo a terra i remi,

diam via allo scialacquio.

 

Evviva la crociera,

divertimento puro,

ma pare una gruviera,

tra l’onda e scoglio duro.

                                                      --------------------------------------

“Frivolezze”

 

             Ho invitato un buddista a colazione,

                                     caffè nero e pane con nutella,

                                     non mangio se non ho l’ispirazione,

                                     … è meglio se riempi la scodella.

 

                                     Ho invitato a pranzo un buon cristiano,

                                     salciccia e stufato con patate,

                                     di venerdì non faccio cavolate,

                                     la fregatura è che son vegetariano.

 

                                     Ho invitato un ebreo alla merenda,

                                     per non sbagliare gli faccio un uovo fritto,

                                     nel giorno del digiuno è un mio diritto,

                                     mangiarmi tutto e poi rifare ammenda.

 

                                     Ho invitato a cena un musulmano,

                                     prosciutto cotto e carne di maiale,

                                              mi dice: è peccato e mi fa male,

                                     se non stai attento ti divora anche la mano.

 

                                     Ho invitato poi di Geova un testimone,

                                     trasfusione di barbera e grignolino,

                                     sono astemio, giammai io bevo vino,

                                     solo una birra con spruzzata di limone.

 

                                     Ho invitato anche un ateo madornale,

                                     è sovrappeso da far quasi paura,

                                     sono a dieta e mangiare è assai letale,

                                     la spaghettata: un dono di natura.

 

                                            Ho invitato adesso un ortodosso,

                                     cinghiale arrosto e vodka con caviale,

                                     questo ben di Dio è assai immorale,

                                     e alla fine si spolpa pure l’osso.

 

                                     Cari amici se volete la morale,

                                     considerando che le varie religioni,

                                     quando si tratta di bere e di mangiare,

                                     tirano in ballo le dovute soluzioni.

 

 


Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!